Skip to main content

In Umbria in camper

Se l’Umbria fosse un colore sarebbe il verde.

Difficile non innamorarsi dei paesaggi di collina che hanno ispirato pittori
del calibro di Pinturicchio e Perugino, scrittori e poeti tra cui Virgilio, George Byron e Herman Hesse, ma anche filosofi come Goethe.

Lasciati trascinare da un piacevole connubio di natura, arte, ottima cucina popolare e…cioccolata.

Ti proponiamo un itinerario breve di 3 giorni e uno di 7 giorni, con tante idee anche per visitare l’Umbria in camper con i bambini.

Noleggia un camper

Umbria in camper

In camper in Umbria: aree sosta e campeggi

L’Umbria è una regione molto piacevole e comoda da scoprire in camper.
La stagione più adatta è la tarda primavera e l’inizio estate, tra maggio e luglio, anche per i tanti eventi che la animano. Bel collegata a livello stradale, puoi raggiungerla in 2 ore prenotando un camper roadsurfer da Roma, oppure da Milano o da Torino.

Se parti dal Nord potresti decidere di abbinare anche una visita in Toscana. ai un’occhiata alle nostre proposte per visitare la Toscana in camper.

Il paesaggio umbro alterna grandi pianure a colline sormontate da borghi. Nelle vicinanze di ogni centro culturale o borgo si trovano ampi parcheggi attrezzati per i camper, oppure aree di sosta gratuite.

Le aree turistiche più adatte alle famiglie come il Lago Trasimeno contano anche numerosi campeggi.

Puoi inoltre prenotare uno dei nostri roadsurfer spots in Umbria per goderti il paesaggio e tutti i confort.

Umbria in camper con i bambini

L’Umbria è una regione adatta a viaggiare in camper con i bambini. Il Lago Trasimeno è una località del Centro Italia perfetta per una gita in famiglia, mentre sia Perugia che Orvieto sono ricche di punti di interesse che affascinano i più piccoli.

Patria della cioccolata, Perugia offre diversi parchi, località affascinanti e infrastrutture idonee per viaggiare con i bambini.

In camper in Umbria in 3 giorni

Il tuo itinerario in camper tra le Marmore, il Lago Trasimeno e Perugia

Giorno 1 – Cascate delle Marmore e Piediluco

Tra le cascate più alte d’Europa, le Cascate delle Marmore sono uno spettacolo della natura. Se viaggi con i tuoi figli puoi assicurare loro una gita che ricorderanno anche da adulti.

Se vuoi far colpo sulla tua dolce metà, il Balcone degli Innamorati è un piccolo terrazzo sul getto d’acqua, al termine del tunnel degli innamorati. Basta sporgere il braccio fuori per sentire l’acqua della cascata.

Le Marmore scaturiscono dall’affluenza di due fiumi: la Nera e il Velino.
Si racconta la bella ninfa Nerina per essersi innamorata di un terrestre, il pastore Velino, fu punita da Giunone, che la trasformò in un fiume. Velino, per ricongiungersi all’amata si lanciò dall’alto, da quel balcone che appunto si chiama degli Innamorati.

A soli 5 km dalle Cascate delle Marmore, il borgo di Piediluco sorge sulle rive del lago omonimo e alle pendici del Monte Luco. Piediluco, che significa “ai piedi del Bosco Sacro” è una località romantica e adatta anche alle famiglie, dove ogni anno a giugno si tiene la Festa delle Acque per festeggiare il Solstizio d’Estate.

Cose da fare: d’obbligo una visita alle cascate, avendo la cura di controllare gli orari in cui la cascata è attiva

Informazioni: https://www.cascatadellemarmore.info/orari-e-aperture/

Prendi il battello da Piediluco per una minicrociera di 45 minuti e ascolta i suggestivi racconti del conducenti. Se viaggi con i bambini scegli il Fantabattello, dove a raccontare le leggende dell’Umbria è lo Gnefro, una creatura della tradizione locale

Esplora il borgo di Piediluco e concediti una cena al ristorante, assaggiando i piatti tipici della cucina lacustre, a partire dai carbonaretti “alla piedilucana”, a base di pesce di lago cotto sul fuoco vivo e condito con olio, sale, pepe e aglio.

Parcheggio:

Sosta Gratuita presso Camper service Arrone Via delle Palombare, 05031, ARRONE, TR
Le Cascate delle Marmore dispongono, presso il Belvedere Inferiore, di un’area di sosta attrezzata con tariffa giornaliera di 15 euro al giorno. Dispone di 20 posti non prenotabili, sosta massima 24 ore.

Giorno 2 – Lago Trasimeno

Circondato da colline e borghi, il Trasimeno è un lago affascinante in cui riecheggiano le battaglie romane. I suoi dintorni sono adatti al trekking e alla mountain bike, mentre un’escursione su una delle sue isole permette di scoprire la fitta flora lacustre.

Cose da fare:

Prendi il traghetto per l’Isola Maggiore, l’unica abitata delle 3 isole del Trasimeno. Pur essendo molto piccola, offre molto ai suoi visitatori, inclusi i ruderi della torre romana, il museo del merletto e diversi ristoranti

Prova gli sport d’acqua! Dal windsurf alla vela, sul Trasimeno puoi provare anche l’ebbrezza dello sci nautico! Se preferisci il relax, con la bella stagione puoi farti un bel tuffo e prendere il sole su una delle isole

Al tramonto super consigliata una passeggiata sul lungolago nella zona della Darsena

Regalati una mezz’ora al Campo del Sole, una specie di museo di statue all’aperto, con vista sul lago. Progettato come luogo di meditazione e contemplazione è perfetto per decomprimere e rigenerarsi. Si trova in località Navaccia, nel comune di Tuoro.

Se il pesce di lago è senza dubbio l’ingrediente principe della cucina del Trasimeno, un piatto tipico da provare anche per i vegetariani è la Fagiolina del Trasimeno, un piccolo legume dalle origini africane preparato in diverse varianti.

Campeggio: puoi prenotare uno dei nostri spot nelle vicine provincie di Siena o di Arezzo (link)

Campeggio: Camping Kursaal di Passignano sul Trasimeno (PG) con 70 piazzole camper
Viale Europa 24, 06065 Passignano sul Trasimeno (PG)

Giorno 3 – Perugia

Perugia è la città degli archi, della cioccolata Perugina e…della Città della Domenica, un parco che immerge nel mondo delle fiabe.

Cose da fare:

Prendi il Minimetrò, un piccolo treno sospeso che agevola l’accesso al centro abitato in collina
Perugia è famosa per i suoi archi, che nel centro storico creano scorci labirintici: divertiti a fotografare questi prodigi architettonici!
Se ti piace l’arte di strada, non perderti Via della Viola, una rara occasione di vedere qualcosa di nuovo sulle mura di una città millenaria.
Visita il Museo della Cioccolata, con annessa visita alla Fabbrica della Perugina
Imperdibile la Chiesa di San Pietro, dove uno dei dipinti più grandi d’Europa cela il volto del Diavolo!
La Città della Domenica è un verde parco attraversato da trenini, dove i bambini non possono che divertirsi. Tra Castello della Bella Addormentata e Scuola della Magia, non manca neanche il Cavallo di Troia, per un universo tutto da scoprire, a pochi passi dal centro cittadino.

Parcheggio: Area Comunale Piazzale del Bove
Strada Fosse dell’ Infernaccio, 06124 Perugia, Umbria/ Italia

» Se ti è piaciuta l’Umbria, amerai le Marche! Leggi il nostro itinerario sulle Marche in camper

Itinerario Lungo – 7 giorni in camper in Umbria

Tappe: Spoleto – Castelluccio di Norcia – Assisi – Perugia – Lago Trasimeno – Orvieto

Giorno 1 – Spoleto

Appollaiata sul colle Sant’Elia, la cittadina di Spoleto è adatta a chi ama le salite, ma accessibile un po’ a tutti grazie a una rete sotterranea di scale mobili.

Cose da fare

  • Attraversa l’alto Ponte delle Torri (80 metri), ricavato da un acquedotto romano, che collega il centro storico di Spoleto al Monte Luco
  • Visita il Teatro Romano di Spoleto, all’interno delle mura cittadine
  • Una pedalata sulla ciclovia del Nera, un itinerario di 28 km immerso nel verde lungo il fiume Nera
  • A Giugno il Festival dei 2 Mondi dal 1958 cerca un’unione tra la cultura europea e quella americana attraverso musica, danza, arte e spettacolo. Partecipano artisti internazionali (date 2022: dal 24 giugno al 10 luglio)

Sosta: Area di sosta attrezzata a pagamento presso Agriturismo Consalvi Valentina – Fratta Todina (PG) – Strada del Palombaro, 15

Giorno 2 – Castelluccio di Norcia e la Piana Grande

Quando visiti Castelluccio di Norcia tieni presente che questo centro è stato quasi raso al suolo dal terremoto del 2016, ma le sue attività turistiche lo stanno aiutando a rinascere. Visitarlo è anche un atto di amore verso una popolazione coraggiosa che ama il proprio territorio. Nelle vicinanze di Castelluccio, il Piano Grande si presta ad attività outdoor anche spericolate, come il deltaplano, ed è un paradiso naturalistico da ammirare durante la fioritura primaverile ed estiva.

Cose da fare:

  • Dedica la giornata a un trekking sul Monte Vettore alla scoperta dei Laghi di Pilato
  • A Castelluccio di Norcia rifocillati con un bel piatto di lenticchie, specialità IGP. Da provare anche la pasta alla norcina, condita con sugo di cipolla, aglio, salsiccia di maiale e ricotta fresca di pecora.
  • In primavera e in estate ti consigliamo una spettacolare passeggiata sul Piano Grande. A partire da maggio e fino ad agosto l’altopiano carsico si tinge di mille colori grazie a fiordalisi, narcisi, viole e tante altre varietà che creano la Fioritura, un vero e proprio fenomeno stagionale.

Parcheggio: Area Sosta Camper, 06046 Norcia PG – Area di sosta con scarico sotto il Deltaplano, una struttura con locali e ristoranti creata dopo il terremoto (coordinate Google)

Giorno 3 – Assisi

Se non hai mai visitato Assisi, preparati a restare di stucco. Assisi colpisce anche solo a vederla dalla strada. Le sue forme architettoniche la rendono unica. L’immenso convento francescano la domina e la contraddistingue, mentre il borgo medievale, sopravvissuto al terremoto del 1997, è ricco di fascino.

Cose da fare:

  • La Basilica di San Francesco, datata 1230, è il luogo più importante di Assisi e si presenta come una doppia struttura, composta da Basilica Alta e Bassa.
  • Qui si trovano le spoglie del Santo patrono d’Italia. Ammira il ciclo di affreschi attribuiti a Giotto che ritraggono scene della vita di San Francesco. Sapevi che questi affreschi hanno rivoluzionato il modo di fare arte, nel Trecento? Si tratta infatti dei primi affreschi “dinamici” in cui le figure non sono icone statiche, ma svolgono delle azioni.
  • Per una vista mozzafiato e una bella passeggiata, sali sulla Rocca Maggiore di Assisi. Nel Medioevo il bastione faceva parte della rete di castelli costruiti a difesa dello Stato Pontificio.
  • Visita il centro abitato. La Piazza del Comune, costruita al posto del Foro Romano, è un gioiello di architettura urbana. Qui trovi la Fontana dei Tre Leoni, la Torre del Popolo, che risale al 13esimo secolo e il Tempio della Minerva che sbalordì nientemeno che Goethe.
  • Nelle vicinanze di Assisi, nel Parco del Monte Subasio, puoi fare attività all’aria aperta come trekking, ciclismo e camminate. Visita l’Eremo delle Carceri, alle pendici del Monte Subasio, con le grotte degli Eremiti abitate fin da tempi antichissimi.
  • A giugno da non perdere il Lavandeto, che si estende per oltre 2 ettari ed include vari tipi di coltivazioni dai colori e profumi straordinari. Qui si tiene la Festa della Lavanda (18 giugno – 10 luglio 2022).

Sosta: Area di sosta a pagamento davanti stazione di Santa Maria degli Angeli, Assisi (PG) provvista di servizi igienici, no acqua, no carico/scarico

Giorno 4 – Perugia

Perugia è il capoluogo dell’Umbria e come quasi tutte le città di questa regione sorge su una collina. Visitarla permette quindi di camminare in salita, ma la scarpinata non è obbligatoria: vi sono infatti numerose scale mobili e tapis roulant che facilitano l’accesso al centro cittadino.

Una visita a Perugia ti metterà voglia di tornarci. Abbastanza piccola e contenuta da poterla visitare in un giorno, Perugia è uno scrigno che si apre man mano che la si visita. I piatti tradizionali sono un’altra ragione per amare questa città.

Cose da fare

  • Passeggia sul vecchio acquedotto per una delle viste più belle d’Italia. Non crederai ai tuoi occhi quando vedrai questo ponte sorretto da campate che sovrasta le variopinte casette perugine
  • La Casa del Cioccolato è un museo che permette di visitare anche la Fabbrica della Perugina, uno dei maggiori produttori italiani. Scopri l’origine dei Baci e gustati la degustazione inclusa nel biglietto d’ingresso. Per grandi e piccini, una visita deliziosa.
  • A due passi dal centro, la Città della Domenica è l’idea perfetta se viaggiate con i bambini. Questo parco naturale è nato come il primo parco di divertimenti d’Italia da un’idea del figlio di Luisa Spagnoli – la stilista che ha inventato i Baci Perugina.
  • Tra le tante attrattive ci sono la Casa di Biancaneve, il Villaggio di Pinocchio e il Castello della Bella Addormentata. Una vera oasi per i più piccoli, sita nei pressi dello stadio.
  • Una volta a Perugia devi mangiare la Torta al Testo, la focaccia locale che è lo street food per eccellenza. Tra le tante ricette tradizionali, il tegamaccio è una zuppa di pesce con granchi, trote, lucci e carpe molto aromatica, mentre la parmigiana di gobbi ricorda quella di melanzane, ma è a base di cardi.
  • Una visita alla Chiesa di San Pietro ti permetterà di ammirare un dipinto unico al mondo, noto per un curioso effetto ottico. L’immensa tela con le sue 300 figure legate alla vita di Gesù Cristo, cela il volto del Diavolo. Puoi vederlo osservando l’opera da una certa distanza, senza staccare gli occhi dalla tela.

Parcheggio: Area di Sosta camper Agello (Perugia), presso Agriturismo Ospitalità Rurale in via Case Sparse, 8

Giorno 5 – Lago Trasimeno

Circondato da colline, il Lago Trasimeno è una località perfetta per le famiglie. Puoi concederti una giornata di relax con un picnic sulle sue sponde, oppure dedicare qualche ora all’esplorazione e alle attività outdoor. I colli circostanti sono adatti sia al trekking che alla mountain bike.

Dal 3 al 5 maggio il raduno di mongolfiere “Coloriamo i Cieli” è un’occasione fantastica per sbalordire i tuoi figli!

Cosa fare

Il Trasimeno conta 3 isole. La più grande, l’Isola Polvense, è un parco scientifico e didattico, raggiungibile in traghetto e ricca di meraviglie naturalistiche

Un breve Trekking tra dal Santuario della Madonna di Mongiovino al Castello di Mongiovino ti permette di visitare entrambe le strutture. Puoi in alternativa scegliere il percorso trekking che più ti ispira dal sito del Parco del Trasimeno (http://www.parks.it/parco.trasimeno/iti.php)

Passignano è uno dei borghi più caratteristici della zona. A luglio è teatro del Palio delle Barche, una rievocazione storica in costume che permette di rivivere i fasti medievali di Passignano e piace molto ai bambini (24-31 luglio 2022).

A Passignano puoi visitare il Museo delle Barche, oppure salire sulla Rocca che domina il lago.
Coinvolgi i più piccoli con le leggende del posto. La Battaglia del Trasimeno si tenne nel 217 a.C e vide i romani perdere contro i cartaginesi di Annibale. Si narra che ancora oggi, quando fa brutto tempo, il lago si agiti a causa dei soldati romani che si lamentano per la sconfitta, dal fondo del lago in cui morirono oltre 2000 anni fa.

Parcheggio: Area Sosta Camper L’Airone
Via, Lungolago Lelio Giappesi, 1, 06065 Passignano sul Trasimeno PG

Giorno 6 – Gubbio, Todi

Una miriade di borghi costellano il territorio collinare dell’Umbria. Il consiglio è di sceglierne un paio e immergersi nella loro atmosfera di altri tempi.
Gubbio è uno dei più antichi e, per le sue formazioni calcaree, assume un aspetto tutto suo.

Cose da fare:

  • Piazza Grande non è solo sede dell’imponente Palazzo dei Consoli, ma costituisce una vera e propria terrazza con una vista che abbraccia la regione.
  • Prendi la funivia che sale sul Monte Ingino, dove si trova la Basilica di Sant’Ubaldo, patrono di Gubbio. Puoi anche partire per una spettacolare escursione a piedi. Una camminata nella natura accompagnata da una vista a perdita d’occhio.
  • A Todi visita il Castello di Frontignano, le cisterne sotterranee e la Tomba del Poeta Jacopone da Todi
  • Pedala sulla Transameria, un percorso ciclabile lungo l’antica Via Amerina, che collegava Roma all’Umbria. Questo percorso ha la forma di un otto e si snoda tra il Tevere e i Monti Amerini. Da Todi puoi percorrerla per ammirare il Castello di Sismano e passare villaggi caratteristici come Macchie.

Giorno 7 – Orvieto

Orvieto si staglia sulle colline umbre col suo Duomo visibile anche da lontano e, tra i sotterranei e le stradine medievali, è una delle mete più amate anche dalle famiglie.

Cose da fare

  • Se viaggi con i bambini, usa la piccola funicolare dalla stazione dei treni: è un’esperienza divertente per i più piccoli e pratica per raggiungere il centro in pochi minuti
  • Una visita al celebre Duomo, un capolavoro di stile romano-gotico, completa la passeggiata tra le vie del centro, caratterizzate dalle tante botteghe dell’artigianato (vedi Vicolo degli Artigiani).
  • Il Pozzo di San Patrizio, scavato dagli Etruschi circa 3000 anni fa, affascina anche i più piccoli. Il nome si deve al santo irlandese (quello del Saint Patrick’s Day!) che era custode di una caverna senza fondo. Questo pozzo ha una particolarità: è costruito in modo che chi scende non incontri mai chi lo risale.
  • Assaggia i maccheroni dolci, preparati come normale pasta, ma conditi con miele e nocciole, oppure i tozzetti di mandorle, da inzuppare rigorosamente nel vinsanto.

Sosta gratuita: Area Sosta Battistelli Renzo, Via della Direttissima 05018 Orvieto (TR)

Altri consigli per il tuo viaggio on the road