Skip to main content

L'Isola d'Elba in camper in 10 giorni

Tra spiagge bianche e nere

Sogni una vacanza che ti permetta di alternare totale relax – magari su una spiaggia bianca – al divertimento dello sport all’aperto? Cosa diresti se ci fosse un posto in Italia che ti permette tutto questo e molto altro, facile da raggiungere e comodo da percorrere con il camper? E se questo luogo fosse anche adatto alle famiglie con bambini? Fidati di noi, parti per una vacanza all’Isola d’Elba e vorrai tornarci anche gli anni successivi!

Noleggia un camper

Isola d'Elba in camper

Š roadsurfer GmbH / Laura Herz

Se da un lato l’Elba può sembrarti un compromesso, una vacanza sull’isola livornese è un’idea magnifica, soprattutto se ami il mare.

La permanenza all’isola d’Elba in camper è consigliata, in quanto l’isola toscana è attrezzata con ampie aree parcheggio per i camper e facilmente raggiungibile via traghetto.

Con 30mila abitanti e una superficie di oltre 200 km quadrati, l’Elba è la terza isola più grande d’Italia dopo Sicilia e Sardegna. Oltre a vantare un numero imprecisato di spiagge, tra le 100 e le 200, l’Elba presenta fondali trasparenti e vari tipi di litorale, dai sassolini alle sabbie bianche.

Si trova a circa 10 km dalla costa, all’altezza di Piombino, e un tempo faceva parte del lembo di terra che collegava lo Stivale alla Corsica.

Come raggiungere l’Isola d’Elba in camper

Puoi raggiungere l’Elba con il tuo roadsurfer in traghetto. La tratta ha la durata di un’ora ed è percorsa da 4 compagnie: Moby Lines, Toremar, Blu Navy e Corsica Sardina Ferries.

Come raggiungere l’imbarco per l’Isola d’Elba da Roma

Da Roma prendi la E80 e percorrila fino a Vignale-Riotorto. Da Vignale-Riotorto scegli la strada provinciale 40 e la SS398 seguendo le indicazioni per Piombino. Il tragitto verso il porto di Piombino è molto scenografico, essendo quasi tutto lungo la costa.

Dalle spiagge laziali di Ladispoli e Santa Marinella, ti ritroverai a passare in prossimitĂ  del promontorio del Monte Argentario, per poi salire verso Grosseto e dirigerti in direzione di Follonica, prima e infine di Piombino, per un totale di 220 km.

Come raggiungere l’imbarco per l’Isola d’Elba da Milano

Da Milano dovrai percorrere circa 411 km dalla sede di Roadsurfer fino al porto di Piombino. Prendi l’A1 fino a Parma Ovest. A Parma Ovest prendi la A15 per portarti sull’autostrada A12 Genova-Livorno. Esci a Rosignano, prosegui sulla S.S Aurelia fino a Venturina-Isola d’Elba, poi segui le indicazioni per Piombino.

Come raggiungere l’imbarco per l’Isola d’Elba da Torino

Dalla primavera del 2022 puoi noleggiare un camper Roadsurfer anche da Torino! Da Torino percorri la A21 direzione Brescia, fino ad Alessandria, poi imbocca la A26 fino a Genova. Da Genova prendi l’A12 direzione Grosseto. Esci a Venturina, poi prendi la S.S 398 e segui le indicazioni per il porto di Piombino.

Informazioni sul traghetto per l’Isola d’Elba

Tieni a mente che devi presentarti all’imbarco almeno un’ora prima della partenza per permettere l’imbarco e i controlli necessari.

Durante la navigazione non è consentito restare all’interno del camper: d’altronde i traghetti verso l’Elba non sono dotati di cabine, trattandosi di una traversata breve.

Necessiti del WiFi durante la navigazione? Sui traghetti Moby e Toremar usufruisci della connessione dati WiFi. (Le navi Blunavy e Elba Ferries non dispongono di wi-fi a bordo). Di solito, comunque, il segnale del telefono riesce a ricevere durante tutto il tragitto, essendo una navigazione prettamente costiera.

Regolamento sulla sosta dei camper all’Isola d’Elba

Sull’Elba i camper possono sostare solo nelle aree adibite a campeggio. La sosta fuori da tali aree è proibita dai comuni dell’Elba e dal regolamento del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, così come qualsiasi forma di campeggio libero e soggetta a multe in caso di violazione.

Itinerario: 10 giorni all’Isola d’Elba

Giro completo dell’Isola d’Elba in camper

Giorno 1 – Portoferraio

Capoluogo e porto principale dell’Isola d’Elba, Portoferraio si contraddistingue per le mura medicee.

  • Sali fino al Forte Stella
  • Sono ben 2 le case di Napoleone Bonaparte a Portoferraio, dove l’imperatore fu spedito in esilio. Villa dei Mulini, la sua dimora cittadina, fa parte delle fortezze medicee
  • Passeggia per il centro storico, tra vicoli e botteghe e chiese antiche
  • Visita le Ville Romane: Villa romana della Linguella risale al I secolo a.C. ed è stata in parte incorporata nelle mura cittadine
  • La Villa Romana delle Grotte, della stessa epoca, si trova a 10 minuti di guida dal centro

Campeggio: l’Area Stop “La Perla” (località Procchio, a 10 km da Portoferraio) si trova sul mare, a 50 metri dalla spiaggia e all’interno di un club sportivo (Sporting Club “La Perla”) dotato di 2 piscine, campi da tennis, spiaggia privata con ombrelloni). Area di sosta custodita, con area barbecue e parco giochi per i bambini.

Solo nel periodo giugno – agosto: Camping La Sorgente: con parcheggio attrezzato per i camper, Via Acquaviva 42 Portoferraio – Isola d’Elba

Giorno 2 – Costa Verde

L’Elba fa parte del Parco Naturale dell’Arcipelago Toscano e include vegetazioni rigogliose e acque protette.

La Costa Verde deve al nome alle fronde abbondanti della sua ricca flora.

  • Spiaggia di Sansone: spiaggia bianca dove il mare assume una suggestiva colorazione verde-acqua. Il suo fondale molto popolato la rende ideale per lo snorkeling, anche per i meno esperti
  • Noleggia un kayak, o un pedalò e lanciati all’esplorazione delle grotte di questo tratto di costa, per un pomeriggio romantico e avventuroso!
  • La Spiaggia della Sorgente è una spiaggia di ghiaia abbastanza piccola e raccolta, che si raggiunge percorrendo un sentiero
  • Se sei a caccia di adrenalina, dal faraglione della Spiaggia della Sorgente puoi cimentarti nei tuffi oppure ammirare un tramonto indimenticabile

Campeggio: Camping Enfola, situato sul mare in una zona adatta allo snorkeling, questo campeggio con area per i camper offre come servizi aggiuntivi una scuola di sub, offre noleggio gommoni, barche a motore, canoe e SUP, è completo di scuola di Nordic Walking che puoi praticare sul posto

Giorno 3: Trekking per tutti!

Da Enfola parti per un un trekking di 5 km, affrontabile anche dai bambini, con un dislivello di 243 metri complessivi

  • Ammira la vista sull’istmo che collega il promontorio dell’Enfola al resto dell’isola
  • Osserva i ruderi difensivi della Seconda Guerra Mondiale, ma anche gli splendidi scorci sulle spiagge bianche e, nelle giornate chiare, potrai vedere perfino la Toscana!
  • In primavera questo trekking è davvero imperdibile per la varietĂ  di fiori che colorano Capo Enfola
  • Assaggia la palamita sott’olio, una delizia che non troverai facilmente altrove!

Campeggio: Camping Enfola

Giorno 4: Golfo di Viticcio

  • Rilassati in una delle 5 piccole spiagge libere attigue al borgo di Viticcio
  • Noleggia una bici e cimentati con il sentiero Acquaviva – Biodola, attraverso la macchia mediterranea. Raggiungi la spiaggia della Biodola e rinfrescati con una nuotata!
  • Il sentiero Viticcio – Forno è adatto se cerchi la pace assoluta nella natura e offre refrigerio nelle giornate estive essendo quasi tutto all’ombra dei pini

Campeggio: Camping Scaglieri Village – campeggio terrazzato che scende direttamente sulla spiaggia. Carico e scarico acqua in piazzola.

Giorno 5: Scaglieri e Procchio

  • Il golfo della Biodola ti aspetta per regalarti delle nuotate epiche!
  • Se viaggi con i bambini, la Spiaggia di Scaglieri è consigliata per i suoi fondali bassi
  • Punta Agnone è un’altra spiaggia bianca super consigliata, con la scenografica
  • Punta Guardiola e un’acqua che piĂš chiara non si può, molto accessibile per tutti
  • A Procchio fai un giro al Mercato della Terra e del Mare dell’Isola d’Elba, dove trovi prodotti freschi di piccole aziende certificate Slow Food

Campeggio: Camping Scaglieri Village

Giorno 6: Marina di Campo

  • La Spiaggia di Cavoli, con le acque turchine e la finissima sabbia bianca, gode di un microclima protetto che la rende temperata anche fuori stagione! Attenzione però in alta stagione: per la sua bellezza questa spiaggia tende ad essere affollata, soprattutto durante il mese di agosto
  • Da non perdere le Piscine di Seccheto, delle polle d’acqua naturali, simili a piccoli stagni, formatesi con l’erosione del granito in epoca romana
  • La sera passeggia Marina di Campo e concediti una cena al ristorante. Ti piace andare a ballare? Approfittane! Diversi dei principali locali dell’Isola d’Elba si trovano a Marina di Campo!

Campeggio: Camping Ville degli Ulivi (offre allaccio elettrico, carico e scarico acqua parziale e diversi servizi con pagamento a parte tra cui lavatrici e asciugatrici)

Giorno 7 – Capoliveri

  • Un lungo trekking di 11.5 km arriva fino alle miniere di ferro di Calamita, l’anima dell’Isola d’Elba: chiuse da circa 30 anni, le miniere dell’Elba sono tra le piĂš antiche al mondo, usate giĂ  dagli Etruschi. Oltre al museo sono disponibili anche le visite guidate
  • Scopri il Santuario della Madonna delle Grazie, che fu rifugio per decine di monaci durante la Rivoluzione Francese
  • Capoliveri è un paradiso per gli appassionati di mountain bike! Il Bike Park a Capoliveri, attraverso l’app omonima, permette di scoprire numerosi percorsi (57 solo con la mountain bike) e di orientarsi nel promontorio e sul resto dell’Elba.

Campeggio: Camping Stella Mare (Capoliveri) – Campeggio con accesso diretto alla spiaggia, nel golfo di Lacona

Giorno 8 – Porto Azzurro

  • Se finora hai visto spiagge bianche, sul versante orientale dell’isola preparati alle spiagge nere! Complice l’estrazione del ferro, qui la sabbia è scura e…brilla!
  • Attendi l’alba (o il tramonto) presso la Spiaggia dell’Innamorata, legata alla leggenda di due innamorati, Lorenzo e Maria, il cui amore era osteggiato dalle rispettive famiglie. Lorenzo fu portato via dai pirati e Maria, che vide la scena dalla spiaggia, si gettò disperata tra i flutti. Ogni anno, il 14 luglio, una fiaccolata rievoca questa leggenda d’amore.
  • Ammira il faro di Porto Azzurro e Forte Longone

Campeggio: Camping Arrighi a 1 km da Porto Azzurro

Giorno 9 – Rio nell’Elba

  • Rio Marina (la parte bassa di Rio), nelle sue facciate e nei suoi fondali luccica ancora per il ferro estratto da questa zona nel corso della storia, tanto la localitĂ  che era chiamata “Capitale del Ferro”: visita il Museo dei Minerali dell’Elba e dell’Arte Mineraria per approfondire questo aspetto!
  • Un altro trekking intrigante è quello che da Rio nell’Elba (la cittĂ  alta) porta fino alla Fortezza del Giove. Lungo l’itinerario effettua una lieve deviazione per vedere anche il castello del Volterraio. Sali sul Monte Strega per dominare il panorama! Una volta sceso ti troverai nei pressi dell’Eremo di Santa Caterina. I ruderi della Fortezza del Giove sono molto belli da vedere e da fotografare
  • Il ferro è stato importante per l’Elba, ma non si mangia! Rio Marina è anche uno dei centri dalla tradizione culinaria piĂš interessante: assaggia la Sburrita, una profumata zuppa di pesce insaporita da erbe e spezie tra cui la nepitella (mentuccia selvatica) e il peperoncino, servita con pane casereccio. Immancabile lo Stoccafisso alla Riese, e come spuntino dolce lasciati tentare dalle Imburrate, squisite focaccine ai fichi, realizzate con ingredienti locali.

Campeggio: Camping Canapai, immerso nella pineta.

Giorno 10 – Ritorno a Portoferraio

  • Ricordati di arrivare un’ora prima della partenza del traghetto
  • Cosa portarsi a casa: La Schiaccia Briaca è un dolce tutto elbano, che veniva offerto ai marinari perchĂŠ si conservava a lungo nelle cambuse! Oltre ad assaggiarlo, è anche un’idea carina se vuoi portare a casa qualcosa di tipico!

All’Elba trovi tanti campeggi sul mare, con un’ampia offerta di servizi e di attività.

Oltre a quelli citati nell’itinerario di consigliamo il Campeggio Sole e Mare in località Nisporto e il Camping Village Calanchiole (località Le Calanchiole).
Ricordati che non è permessa la sosta libera!

Le aree di sosta per i camper sono a pagamento, con prezzi tra i 20 Euro e i 30 Euro al giorno a seconda della stagione. C’è un’area di sosta camper in ogni comune e sono le seguenti: Area Camper La Perla (Procchio – loc. Campo all’Aia); Agricampeggio Bioelba (loc. Ferrato, a Capoliveri), AreaSosta CamperElba (a Marina di Campo), Area di sosta Colombi Stefania (sosta per 72 ore), Agricampeggio Orti di Mare (Loc. Lacona), Porto Azzurro (loc. Bocchetto) e Cavo (localitĂ  San Bennato).

Âť Leggi anche i nostri consigli sugli itinerari in camper in Toscana

Altre idee per il tuo roadtrip

Noleggia un camper

Scegli il modello